CURCUMA | LA SIGNORA IN GIALLO

CURCUMA | LA SIGNORA IN GIALLO

La Curcuma è una delle spezie più conosciute ed utilizzate al mondo. Ed è forse anche la più famosa tra quelle che travalicano il confine dell’uso culinario approdando nel mondo della salute, con un carico di storia di uso tradizionale e di proprietà salutistiche di grande interesse, più recentemente indagate dalla ricerca farmacologica.

Questa spezia ha una storia antica di almeno 4000 anni. Utilizzata in India, paese di origine, come spezia in cucina, colorante per stoffe, nei rituali religiosi Indù e nella Medicina Ayurveda, la Curcuma si è successivamente diffusa in tutto il Sud-est asiatico, l’Africa ed è stata probabilmente introdotta nella medicina europea dagli olandesi i quali la importarono dai loro possedimenti delle Indie.
In ambito erboristico è tradizionalmente impiegata nel trattamento delle epatopatie, per migliorare la funzionalità digestiva, come diuretico e antispastico, per la sua attività coleretica e colagoga e stimolante della secrezione gastrica.
Alla Curcuma sono state attribuite anche molte attività “miracolose”, che l’hanno per un periodo trasformata in una panacea. Osservandola un po’ più da vicino, in questo articolo cercheremo di comprendere i benefici dell’uso di questa spezia nell’alimentazione.

LA CURCUMA | BOTANICA IN PILLOLE
Curcuma è un genere che conta oltre 80 specie e appartiene alla stessa famiglia dello Zenzero (le Zangiberaceae). Il paese in cui è maggiormente coltivata ed utilizzata è l’India, ma è ampiamente distribuita anche nelle zone a clima tropicale caldo umido dell’Asia e del continente australiano, ai tropici e nelle zone climaticamente compatibili dell’Africa. Proprio dall’Africa proviene la ricetta che vi proporremo di seguito!

La specie comunemente utilizzata, sia in cucina che nelle fitopreparazioni, è la Curcuma longa.
Proprio come per lo Zenzero, la parte utilizzata è il rizoma, ovvero un gambo sotterraneo con le sembianze di una radice, da cui si ottiene la polvere dal colore giallo-arancio, inconfondibile come il suo aroma amarognolo, terroso e leggermente pungente.

E’ SEMPRE UNA QUESTIONE DI CHIMICA!
La Curcuma è ricca di vari principi attivi che, oltre a caratterizzarla dal punto di vista organolettico, sono dotati di numerosissime attività biologiche.

Quelli di maggior interesse sono i Curcuminoidi (in particolare la Curcumina), delle molecole appartenenti al gruppo delle sostanze fenoliche di cui la Curcuma è ricca, e gli Oli volatili (turmerone, atlantone e zingiberene).

È la componente sesquiterpenica di questi ultimi a caratterizzarne il profumo ed il sapore.
La Curcumina, sostanza idrofobica appartenente alla classe dei polifenoli, è invece responsabile del colore giallo-arancione inconfondibile della parte interna del rizoma.

Proprio grazie al potere colorante della Curcumina è nato il nome Curcuma, dall’arabo Kurkum, Zafferano, tanto che la Curcuma è nota anche come Zafferano delle Indie, sebbene le due spezie abbiano in comune solo questa caratteristica!
Il rizoma è anche ricco di Amidi, i quali le conferirebbero un elevato apporto calorico, ma niente paura, non fa ingrassare, sarebbe il colmo! Essendo consumata come una spezia, e quindi in piccole quantità, l’apporto calorico è del tutto trascurabile!

Curcuma in CUCINA
Si consiglia di mescolarla con sostanze grasse come l’olio di cottura, poiché questo può favorire un buon assorbimento anche dei principi attivi non solubili in acqua, tra cui appunto la Curcumina e gli oli essenziali.
In questo modo si favoriranno l’attività digestiva e il metabolismo dei lipidi, attraverso la stimolazione l’attività gastrica ed epatica. In base alle evidenze emerse da diversi studi, inserire la Curcuma nella dieta potrebbe quindi essere utile nella prevenzione di disturbi metabolici e contribuire ad un buon equilibrio della flora intestinale.

Nella cucina sud Africana la Curcuma viene tradizionalmente utilizzata per conferire un colore dorato al riso bianco e la ricetta che vi proponiamo si chiama GEELRYS, RISO GIALLO, una RICETTA facilissima da preparare e molto gustosa.
L’ingrediente segreto è la CURCUMA, ma insieme alla CANNELLA! 

RICETTA | AFRICA
Geelrys | Riso Curcuma e Cannella

INGREDIENTI
200 g di Riso Basmati
1 cucchiaino di CURCUMA
1 cucchiaino di CANNELLA
1/2 tazza di Uvetta
2 cucchiai di Olio Evo
Sale qb

Lavare il riso fino a quando l’acqua diventa trasparente, metterlo in una pentola, aggiungere il sale e l’acqua fino a copertura.
Coprire e far cuocere a fuoco basso per circa dieci minuti, poi assaggiare e valutare l’aggiunta di altro sale o acqua.
Scaldare l’olio in una padella capiente e aggiungere la Curcuma, la Cannella e l’uvetta.
Dopo qualche minuto unire il riso, mescolare e servire.